Progetto generale Fiumara d'Arte
2004-2005
Realizzazione
del Museo fotografico all'aperto di Librino
2003-2004
2002
Un chilometro
di tela per Librino
2001


1ª Edizione
Casa degli Artisti

2ª Ed. Casa dei Poeti
3ª Ed. EXTRAordinario

Piano di zona
I quartieri
Istituzioni
Emergenze
Il Cero di S. Agata

DEVOZIONE ALLA BELLEZZA

Devozione alla bellezza nasce nel 1999 a Catania, ideata dall'associazione culturale Fiumara d'Arte come ulteriore contributo alla sacralità espressa dalla città alla sua patrona Sant'Agata. In occasione dei festeggiamenti agatini, il 3 febbraio 1999 il maestro Arnaldo Pomodoro ha realizzato una grande opera in cera che è stata consegnata al fuoco in segno di rinuncia.
Il progetto catanese non ha goduto di nessun finanziamento pubblico ma è stato realizzato grazie alle risorse di Fiumara d'Arte. L'impegno dell'Associazione vuole essere quindi uno stimolo per un ulteriore crescita civile e culturale della città, un percorso etico di devozione alla bellezza per le nuove generazioni che possano, attraverso un atto d'amore, trasformare i quartieri della propria città in luoghi di armonia. Parte da Catania una speranza per tutte le grandi città che hanno dei quartieri dimenticati:per la prima volta l'impegno etico e civile di tutti i catanesi si potrà esprimere con un atto di devozione per quei luoghi troppo spesso trascurati.



UN NUOVO IMPEGNO CIVILE IN NOME DELLA BELLEZZA
Intervista ad Antonio Presti

Antonio Presti sente di poter catalizzare fermenti ed energie che possano tradursi in crescita per il territorio dove opera. Così può essere a Catania, dove Antonio Presti ha avuto l'intuizione di coalizzare il mondo artistico per veicolare uno dei principi numerici più influenti nella crescita di una civiltà: la Bellezza.
"La bellezza che si esprime come sintesi di forma e qualità in perfetto equilibrio, unita al Bene ha il potere di salvare il mondo - afferma Presti. È per questo che abbiamo unito le forze creative di Catania, ritenendo che la città sia pronta a passare dalla vecchia cultura del riscatto e della solidarietà a quella della Bellezza".

Cosa può rappresentare per la città questo passaggio?
"Vede, quando per troppo tempo una terra viene ferita dall'incuria e dall'ignoranza, è naturale una reazione che stimola all'impegno e al riscatto mettendo un'energia che serva a compensare in eccesso ciò che di male c'è stato. È un atteggiamento che però genera una tensione opposta, che tampona l'emergenza ma non educa ad una crescita armoniosa".
Allora lei crede che educare alla Bellezza voglia dire riportare armonia?
"Certamente. La Bellezza ha un potere creativo dinamico e infinito. E noi vogliamo che si manifesti nei quartieri periferici e in quei luoghi dove la cultura del brutto è prevalsa".
E perché in nome di Sant'Agata?
"Perché è un simbolo sacro ed il momento della sua celebrazione è quello di massima coesione del popolo catanese, di massima identificazione nella città. Ed è per questo che nell'atto di sacrificare (rendere sacra) l'opera d'arte, la sera del 3 febbraio il fuoco del cero artistico ha sprigionato la Bellezza in un atto di rinuncia alla forma come espressione di devozione dei catanesi verso la loro Patrona".



Ma i catanesi sono sempre stati gelosi del rito in onore della Santuzza. Come hanno accolto questa iniziativa?
"è importante comprendere che questa manifestazione non è stata e non sarà una Festa parallela, non è un evento che si sovrappone al rito. Assolutamente no. È solo un atto di devozione in nome della Patrona fatto dall'Arte, che è la quintessenza manifesta del potere creativo che è in ciascun essere, In nome di Sant'Agata si riscopre il valore della Bellezza, un principio che permane al di là dalla forma, in un continuo processo di creazione e trasformazione. Sono grato a tutti coloro che senza alcun guadagno economico hanno aderito all'iniziativa mettendoci cuore ed entusiasmo. Penso tra gli altri ad Arnaldo Pomodoro, autore del cero scultura, ma anche a Pepi Morgia, regista di grande esperienza che si è messo a disposizione per coordinare l'evento, e a tutti gli artisti e gli operatori che credono nel senso di questo progetto"
.

Elenco ufficiale dei partecipanti alla costruzione del Cero di Arnaldo Pomodoro:
Battiato Belinda, Calì Salvatore, Cavalli Simona, Contino Tiziana, Sicurella Daniela, Failla barbara, Forlì Chiara, Foti carolina, Freni Antonio, Giuffrida M.Elena, Gravina Germana, Gullotta Francesco, Gullotto Gianluca, Iozzia Marco,  La Verde Alessandro, Longhitano Rocco, Mammana Valentina, Maricchiolo Loredana, Palermo alessandra, Panebianco Maria Grazia, Rapicavoli M.domenica, Ruggeri giuseppe, Russo carmelina, Scalia Massimo, Schillirò Ivano, Stivale Anna, Torrisi Assia, Torrisi Innocenzo, Vaccarielli Ugo, Zanghi Clementina.

(31 gennaio 1999)

Reportage fotografico: Il Cero di S.Agata


CATANIA SUONA PER S. AGATA

La sera del 3 febbraio 1999, dopo l'accensione della stele in cera, appuntamento in piazza Carlo Alberto per il "laudamus" di Mario Venuti e la devozione in musica delle band catanesi.

Musica per la bellezza, musica per "Sant'Aiutuzza bedda e miraculusa", musica per la Santa dei Catanesi. Suoni dalla classica all'hip hop, dal rock al folk per la martire giovinetta che da sempre unisce nella sua festa sacro e profane, fede e folklore. S. Agatam ub vero, la sua musica l'ha sempre avuta: da quella dei cori da chiesa a quella dei suoni strampalati di bande sgangherate che accompagnano il cammino delle "cannalore ballerina". Ceri ex voto portati a spalla dai devoti col "sacco" per le vie della città a ritmo di lambada, samba e cori da stadio. Quest'anno la Santa avrà anche dell'altra musica: quella dei suoi artisti migliori.
L'idea è di Antonio Presti, mecenate sognatore, che è riuscito nella non facile impresa di cucire le diverse anime della Catania che suona. Così la sera del 3 febbraio in piazza Carlo Alberto (A Fera 'u Luni) sui palchi allestiti per l'occasione si alterneranno Mario Venuti, nell'insolito connubio con l'ensemble Decigramma dei maestri Dario Grasso e Angelo Sturiale, il 'blues campionato di Cesare Basile, i White Tornado votati per l'occasione all'elettronica di oscura avanguardia, I solari Dounia, la tradizione dei Lautari, le rime dei Biodinamic, la 'space etnic junglè di Kabballà & Be Quiet, il pop rock mediterraneo dei Rosso Fisso e il jazz del quintetto capitanato dal sassofonista Carlo Cattano.


Mario Venuti, siracusano di nascita e catanese d'adozione, dopo "Ballata per una Cittá" dedicate a Palermo si è concentrato su S. Agata per descrivere Catania e I catanesi. Il suo pezzo "S.Agata su Marte" realizzato in collaborazione con L"Ensemble Decigramma" chiuderà il concerto di Piazza Carlo Alberto mentre alla stessa orchestra di Grasso e Sturiale spetterà l'apertura della kermesse musicale con una composizione per orchestra da camera basata su un frammento del canto gregoriano "Stans Beata Agatha" risalente al 1293. Dario Grasso, direttore e fondatore del Decigramma Ensemble ha così descritto la collaborazione tra musica colta e pop: "Lavorare con Mario è stata un'esperienza stimolante. Il confronto tra sensibilitá e modi di comporre diversi ha dato risultati soddisfacenti. Siamo riusciti ad integrare la forma canzone cara alla musica di Mario con le sonorità contemporaneee tipiche del nostro ensemble. Contento del risultato finale è anche il "Mario ordinario" che quella sera in piazza conta di mandare in orbita la festa di S. Agata".
Cesare Basile, Catania ce l'ha nel sangue e della festa ha colto uno degli aspetti più suggestive e ambigui. Il suo pezzo "Cannalore" "in spalla ad una cittá di uomini che si fanno compagnia" come si legge nel testo della sua canzone. Cesare per l'occasione ha rinunciato all'immancabile chitarra per affidarsi a due ospiti d'eccessione, come il tastierista dei Dead can Dance e il genio catanese del campionatore Emiliano Cinquerui.
Alla chitarra elettrica non hanno rinunciato invece I Rosso Fisso, Gruppo pop rock che ha adattato in chiave moderna un antico canto popolare dedicato alla Santa. Il concerto del 3 febbraio segnerà il ritorno in scena della formazione più internazionale del circuito etneo, quei White Tornado le cui apparizioni in pubblico si sono fatte, ultimamente, molto rade. Eterodossi per eccellenza I "Tornados" sul palco saliranno solo in due per musicare un canto popolare tradizionale con chitarra acustica e suoni campionati. Massimiliano Sapienza e Ninni Morgia, in perfetto stile White Tornado, tengono a sottolineare che quanto composto non li rappresenta. Anzi non rappresenta nulla: "È pura merce". Questo il commento stringato dei due. Più eterodossi di così!



Titolo semplice, semplice (S.Agata) e canzone in siciliano, invece per i Lautari che ormai da più di dieci anni fanno della musica popolare la loro bandiera. Il testo inedito composto insieme con Alfio Antico è uno dei più belli dell'intero lotto e nella prima strofa recita "S.Agata ca sarvi di lu focu dammi 'n pocu d'antenza pocu pocu.. Tu ca si picciridda e santa vera. Rapi L'aricchi e senti sta prijera". Sempre nell'ambito della musicalitá mediterranea si colloca "Athra Wshahichi" (Vergine e martire). Scritto dal cantante palestinese dei Dounia, Faisal Taher e suonato con cadenza "lenta ed energetica", come l'ha definite il percussionista del gruppo etno Riccardo Gerbino.
La musica etnica fa capolino anche nella composizione di Kaballá (Pippo Rinaldi) accompagnato dai genovesi Be Quiet che ai suoni campionati uniscono il violino elettrico e le percussioni senegalesi di Ta Fà Faruk.
A concludere la parata delle musiche non potevano mancare il rap e il jazz. A colmare la lacuna, la giovane formazione hip hop dei Biodinamic e il quintetto di Carlo Cattano. I Biodinamic, isola rap in una città rock come Catania, hanno scritto rime "sacre" per raccontare una storia vera. Quella di Agata e del martirio. Jazz raffinato e in questo caso con venature mistiche per Carlo Cattano Quintet. Il quintetto oltre allo stesso Cattano (sax) comprende, Alberto Alibrandi (piano), Nello Toscano (contrabbasso), Pucci Nicosia (batteria) e Giuseppe Privitera (tromba).


Tesi di laurea e studi
sulla Fiumara d'Arte
Storia della Fiumara
Nagasawa
La barca dell'invisibile
Consagra
La materia poteva non esserci
 L'appello
al Presidente
della Repubblica
Carlo Azeglio Ciampi
 

 

     

Credits:
antoniobonanno.too.it

antoniobonanno
2003@yahoo.it

Associazione Fiumara d'Arte
Casa d'Arte Stesicorea

Piazza Stesicoro 15 - 95100 Catania

tel./fax 095 7151743

e-mail:
info@librino.org
Albergo-museo "Atelier sul mare"
Via Cesare Battisti 4, Castel di Tusa, 98070 (Me) - tel. 0921 334 295
fax 0921 334 283
e-mail: ateliersulmare@interfree.it
website:
www.ateliersulmare.it