Progetto generale Fiumara d'Arte
2004-2005
Realizzazione
del Museo fotografico all'aperto di Librino
2003-2004
2002
Un chilometro
di tela per Librino
2001


1ª Edizione
Casa degli Artisti

2ª Ed. Casa dei Poeti
3ª Ed. EXTRAordinario

Piano di zona
I quartieri
Istituzioni
Emergenze
Exibart

Mercoledì 29 marzo 2006

PORTATORI D’ACQUA E DI DIRITTI

 

Finito il clamore dei giorni scorsi, spenti quasi tutti i palcoscenici mediatici sul tema acqua in occasione del 4° Forum Mondiale sull’Acqua a Città del Messico, torniamo a parlare della questione. A modo nostro. Puntando lo sguardo su un progetto in bilico tra artistico e sociale. Perché l’acqua è un diritto di tutti. Che lo si rivendichi nei Forum mondiali, nelle manifestazioni in strada o in albergo...

 

mercoledì 29 marzo 2006

A pochi giorni dalla chiusura del 4° Forum Mondiale sull’Acqua a Città del Messico, scegliamo di parlare della questione guardandola non solo dal punto di vista politico e giuridico, umanitario e ambientalista, ma soprattutto culturale e artistico. Con il racconto delle manifestazioni che, in Sicilia, hanno anticipato gli appuntamenti ufficiali. Sebbene l’ufficialità sia stata parte importante degli eventi che hanno “scosso” Tusa, Palermo e Catania nell’arco di pochi giorni.

Tra il 5 e l’8 marzo, infatti, l’Associazione Fiumara d’Arte ed il suo presidente e promotore Antonio Presti hanno curato una serie di incontri tra scuola, arte e istituzioni, sul tema dell’acqua, appunto.

Tutto è nato dalla volontà di porre l’accento su uno dei molti problemi che affliggono l’isola, puntando l’attenzione sul Fiume Oreto, simbolo di un impegno morale, civico e culturale. Gli appuntamenti sono stati espressione di una precisa volontà di lotta politica e sociale, anche contro le organizzazioni criminali

che controllano il territorio dove scorre il fiume.

Ma andiamo con ordine. Innanzitutto il titolo del progetto: I portatori d’acqua, che prende nome dall’omonima campagna che la Fondazione France-Libertés fondata da Danielle Mitterrand -vedova dell’ex Presidente francese- conduce da ormai alcuni anni.

Ed infatti proprio la signora Mitterrand, ospite all’Atelier sul Mare di Presti, è stata interlocutrice con le istituzioni e portavoce dell’impegno a favore di un’acqua potabile, libera e gratuita in tutto il mondo. E anche quindi, nella stessa Sicilia dove, proprio in questi giorni, cresce la polemica per la concreta possibilità che la gestione dell’acqua venga affidata ad una multinazionale francese da qui ai prossimi 50 anni.

Ma l’acqua è un diritto di tutti. Che lo si rivendichi nei Forum mondiali, nelle manifestazioni in strada o in albergo. A dare il via al tour dei “portatori d’acqua” è stata l’inaugurazione della nuova stanza d’artista nell’Atelier sul Mare, firmata dallo stesso Antonio Presti e da Agnese Purgatorio.

La Stanza dei portatori d’acqua si compone di due ambienti diversi: uno bianco fatto di sale, il secondo completamente rivestito di rame e di una luminosità quasi accecante nei giorni di sole. Nel primo caso l’acqua evaporata lascia solo l’elemento salino; la seconda sala, invece, si apre ad ospitare l’acqua come farebbe una tubatura, tondeggiante e accogliente come il metallo conduttore. E come il femminile.

Ma l’arte non ha trovato spazio solo in albergo. Perché in fondo le operazioni della Fiumara, pur nella loro militanza, mantengono sempre l’identità artistica. Non a caso Presti spesso dice “noi artisti”. I suoi progetti, di sapore e sostanza politica, vivono della prospettiva dell’arte relazionale e pubblica. Tra questi, le varie discussioni e gli incontri che potrebbero dirsi confronti e spunti per -volendo traslare le parole di Michelangelo Pistoletto- “una trasformazione sociale”.

Così è stato per la conferenza nella Facoltà di Architettura di Palermo tenuta dalla Mitterrand, Presti, il Prof. Nicola G. Leone -Preside della Facoltà- e Rosario Lembo, Segretario generale del Comitato italiano per il Contratto mondiale sull’acqua, con il sostegno dell’Associazione Salvare Palermo; così pure è stato nel caso del grande raduno di scolari nella cittadina di Altofonte, in provincia di Palermo.

Qui i ragazzi, provenienti da tutte le scuole siciliane, hanno riempito le loro bottiglie direttamente alla fonte del fiume Oreto, dove l’acqua è limpida e potabile, per poi nel pomeriggio versarla simbolicamente alla foce -ormai fogna a cielo aperto- a Palermo, alla presenza del Sindaco Diego Cammarata e della Mitterrand che li ha seguiti nel percorso.

Un gesto che è suggello di un impegno per il futuro. Un patto di speranza ed una sfida dichiaratamente politica.

 federica la paglia

 

 

Rassegna Stampa

                                                                     

 

                                   


 

Antonio Presti

la biografia

Tesi di laurea e studi
sulla Fiumara d'Arte
Storia della Fiumara
I portatori d'acqua
Nagasawa
La barca dell'invisibile
Consagra
La materia poteva non esserci
 L'appello
al Presidente
della Repubblica
Carlo Azeglio Ciampi
 

 

     

Credits:
antoniobonanno.too.it

antoniobonanno
2003@yahoo.it

Associazione Fiumara d'Arte
Casa d'Arte Stesicorea

Piazza Stesicoro 15 - 95100 Catania

tel./fax 095 7151743

e-mail:
info@librino.org
Albergo-museo "Atelier sul mare"
Via Cesare Battisti 4, Castel di Tusa, 98070 (Me) - tel. 0921 334 295
fax 0921 334 283
e-mail: ateliersulmare@interfree.it
website:
www.ateliersulmare.it