Progetto generale Fiumara d'Arte
2004-2005
Realizzazione
del Museo fotografico all'aperto di Librino
2003-2004
2002
Un chilometro
di tela per Librino
2001


1ª Edizione
Casa degli Artisti

2ª Ed. Casa dei Poeti
3ª Ed. EXTRAordinario

Piano di zona
I quartieri
Istituzioni
Emergenze
La Gazzetta del Sud

Domenica 5 marzo 2006

CASTEL DI TUSA:OGGI LA MANIFESTAZIONE A PALAZZO TRABIA

“No” alla privatizzazione dell’acqua

 

CASTEL DI TUSA – Antonio Presti continua nel suo cammino socio-culturale verso un orizzonte sempre più vasto ove si intensificano tra l’altro i legami dell’associazione Fiumara d’Arte dello stesso Presti con la Fondazione France Libertés di Danielle Mitterrand, uniti in questa circostanza nel portare avanti un’importante campagna di sensibilizzazione sul tema: «Il diritto dell’acqua libera, potabile e gratuita», lanciato dalla fondazione francese lo scorso ottobre. Ed è proprio su questa intesa che si innesta un ampio programma che spazia dalla stanza dell’albergo-museo Atelier sul Mare di Castel di Tusa al fiume Oreto di Palermo al quartiere Librino di Catania.

Oggi inizia la manifestazione-evento itinerante de «I portatori d’acqua», titolo acquisito da quanti sottoscrivono la Carta che sancisce i principi relativi al rispetto e alla difesa dell’acqua quale elemento costitutivo di ogni forma di vita. In mattinata, nell’antico Palazzo Travia del paese delle ceramiche si tiene l’incontro tra la signora Mitterrand e i sindaci del territorio nebroideo per una sensibilizzazione sull’utilizzo del prezioso liquido «affinché l’acqua non sia più una merce, e affinché l’accesso all’acqua diventi un diritto universale».

Seguirà a Castel di Tusa nell’Atelier sul mare l’inaugurazione della stanza «I portatori d’acqua», realizzata da Agnese Purgatorio e dallo stesso Presti, con testi di Danielle Mitterrand e Cristina Bertelli.

Quest’ultima stanza costituisce un prezioso tassello nel contesto di altre firmate da artisti come Mochetti, Caro, Nagasawa, Plessi e altri che hanno «stravolto la funzione di una normale camera d’albergo per consegnarla a un’altra appartenenza: quella del sogno dell’arte».

Due spazi caratterizzano l’ambiente: luoghi della memoria e dell’assenza e della purezza, uno totalmente bianco, metafora dell’assenza dell’acqua e uno totalmente rivestito di rame, conduttore di energia, che il visitatore attraverserà per giungere all’origine della purezza.

Doverosa nel pomeriggio la visita al parco della Fiumara, il museo all’aperto delle megasculture di Pietro Consagra, Piero Dorazio, Tano Festa, Hidetoshi Nagasawa, Paolo Schiavocampo, Antonio di Palmi e altri, riconosciuto nello scorso dicembre dalla Regione Siciliana. Opere che hanno rivalutato un territorio di elevato pregio naturalistico ma di sconsolante degrado ambientale.

 

Raffaele Rosario

 

 

 

Rassegna Stampa

                                                                     

 

                                   


 

Antonio Presti

la biografia

Tesi di laurea e studi
sulla Fiumara d'Arte
Storia della Fiumara
I portatori d'acqua
Nagasawa
La barca dell'invisibile
Consagra
La materia poteva non esserci
 L'appello
al Presidente
della Repubblica
Carlo Azeglio Ciampi
 

 

     

Credits:
antoniobonanno.too.it

antoniobonanno
2003@yahoo.it

Associazione Fiumara d'Arte
Casa d'Arte Stesicorea

Piazza Stesicoro 15 - 95100 Catania

tel./fax 095 7151743

e-mail:
info@librino.org
Albergo-museo "Atelier sul mare"
Via Cesare Battisti 4, Castel di Tusa, 98070 (Me) - tel. 0921 334 295
fax 0921 334 283
e-mail: ateliersulmare@interfree.it
website:
www.ateliersulmare.it