Progetto generale Fiumara d'Arte
2004-2005
Realizzazione
del Museo fotografico all'aperto di Librino
2003-2004
2002
Un chilometro
di tela per Librino
2001


1ª Edizione
Casa degli Artisti

2ª Ed. Casa dei Poeti
3ª Ed. EXTRAordinario

Piano di zona
I quartieri
Istituzioni
Emergenze
Giornale di Sicilia

Mercoledì 21 Settembre 2006

Per il Comune è questo il prossimo obiettivo. Il Coime eseguirà l’intervento sulle sponde del fiume

Oreto, in arrivo gli alberi al posto delle baracche

 

Usa la parola «naturalizzazione» l’assessore comunale all’Ambiente Giovanni Avanti. Per dire che il prossimo passo nel recupero dell’Oreto è la sistemazione di alberi e arbusti. Cresceranno dove sono crollate le vecchie case abusive, a pochi metri dagli argini. Cioè sulle sponde. Che secondo i programmi del Comune sono il prossimo obiettivo della riqualificazione. La bonifica procede, anche se i tempi si sono allungati perché i rifiuti da rimuovere sono più del previsto. Adesso tocca dunque alle sponde, come ha spiegato ieri a Ditelo a Rgs l’assessore Avanti. «Stiamo progettando un intervento di sistemazione delle sponde del fiume nella zona del ponte di via Oreto alla Guadagna dove abbiamo demolito le case abusive. L’intervento verrà realizzato in modo semplice in economia con le maestranze del Coime».

Ma sui tempi non ci sono ancora certezze. Il progetto, che prevede la sistemazione degli alberi deve essere ancora definito. «Dopo affideremo i lavori agli uomini del Coime – continua Avanti -. Già comunque sono stati fatti dei sopralluoghi per valutare le modalità dell’intervento». La pulizia e la sistemazione delle sponde sono comunque operazioni più semplici che dovrebbero spianare la strada alla creazione del parco. «È quello il nostro grande obiettivo - continua Avanti -, dare avvio agli interventi infrastrutturali. Sarà un’operazione lunga, ma potremo contare su un impegno finanziario notevole grazie all’utilizzo di fondi di Agenda 2000». Sulle competenze tutto chiarito. Avanti anzi chiude la querelle su gli interventi che spettano all’Amia e sulle retribuzioni. Gli operatori dell’azienda di via Nenni si occuperanno della rimozione dei rifiuti speciali. «Gli interventi saranno retribuiti - garantisce Avanti - proprio come prevede il contratto di servizio». Al Coime invece toccheranno gli interventi ordinari, mentre la manutenzione della vegetazione sarà competenza di Ville e Giardini insieme alla Gesip.

Le condizioni di degrado del fiume nei mesi scorsi erano state segnalate a «Ditelo a Rgs» da un automobilista che aveva visto gettare rifiuti da un ponte. Da recente, inoltre, al «telefono dei lettori» del Giornale di Sicilia un abitante di Sant’Erasmo ha protestato per le cattive condizioni della foce dell’Oreto.  

 

G.L.M.

 

LA BONIFICA

Inizio dell’intervento: 8 settembre

Durata: fino al 20 ottobre

 

LE COMPETENZE DOPO LA BONIFICA

Pulizia ordinaria: Coime

Rimozione rifiuti speciali: Amia

Manutenzione verde: Comune (assessorato Ville e Giardini) e Gesip

 

I NUMERI

Immondizia raccolta finora: 2.000 metri cubi

Viaggi di camion già compiuti per smaltire i rifiuti: 200

 

I PROGETTI DEL COMUNE

Sistemazione delle sponde

Piantumazione di alberi e arbusti

Realizzazione del parco

 

IL PROGETTO DI PRESTI

Museo all’aria aperta

 

Il parco e la poesia: progetti per le scuole

Anche quest’anno le scuole sbarcheranno sull’Oreto. E tra le iniziative organizzate dall’associazione Fiumara d’Arte, che fa capo ad Antonio Presti, ci sarà la manifestazione «Una poesia per l’Oreto, la parola della devozione alla bellezza». Di che si tratta? Di una serie di incontri tra studenti e grandi poeti contemporanei, nell’ambito del progetto «Io sono il fiume Oreto dell’umanità». L’impegno della poesia sarà la prima azione culturale che l’associazione, che promuove il progetto di un museo all’aria aperta, vuole donare al fiume Oreto.

In città dunque arriveranno grandi nomi della poesia contemporanea. «La parola capace di donare nuova bellezza sarà la parola poetica - dice Antonio Presti -, perché i poeti possono offrire una parola non inquinata, e in un certo senso sono autorizzati a parlare, un po’ più di altri, proprio perché sono fuori dal circuito ormai folle del mercato, che prosciuga ogni religiosità, ogni senso e connessione». E poi aggiunge: «I poeti faranno visita a tutte le scuole che partecipano al progetto e all’Università per offrire ai ragazzi nuove chiavi di lettura e per sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore del progetto».

                                                                                                                                             G.L.M.

 

Rassegna Stampa

                                                                     

 

                                   


 

Antonio Presti

la biografia

Tesi di laurea e studi
sulla Fiumara d'Arte
Storia della Fiumara
I portatori d'acqua
Nagasawa
La barca dell'invisibile
Consagra
La materia poteva non esserci
 L'appello
al Presidente
della Repubblica
Carlo Azeglio Ciampi
 

 

     

Credits:
antoniobonanno.too.it

antoniobonanno
2003@yahoo.it

Associazione Fiumara d'Arte
Casa d'Arte Stesicorea

Piazza Stesicoro 15 - 95100 Catania

tel./fax 095 7151743

e-mail:
info@librino.org
Albergo-museo "Atelier sul mare"
Via Cesare Battisti 4, Castel di Tusa, 98070 (Me) - tel. 0921 334 295
fax 0921 334 283
e-mail: ateliersulmare@interfree.it
website:
www.ateliersulmare.it